COSA DIRE AI CREDENTI CHE LASCIANO LA COMUNITÀ PER FUTILI MOTIVI

 

 

Ammettiamolo: ci sono ragioni buone e meno buone per lasciare una chiesa.

 

  • Ti stai trasferendo in un’altra città? Questa è una buona ragione.

 

  • Stai nutrendo amarezza verso qualcuno che ti ha offeso? Questa è una cattiva ragione.

 

  • Il pastore trascura di predicare dei sermoni biblici durante la settimana? E’ una buona ragione.

 

  • Non ti piace lo stile della chiesa? Forse, questa è una cattiva ragione.

 

 

La domanda è

Come bisognerebbe replicare ad un membro della nostra chiesa che voglia andarsene a causa di un motivo ingiustificato?

 

La questione solleva una serie di complesse problematiche teologiche, tra le quali la misura in cui si estende l’autorità della chiesa o quanto peso debba essere dato alle preferenze culturali.

Ci sono poi gli ingrati grattacapi pastorali, come il saper distinguere tra una “canna rotta” (Isaia 42:3) e uno squilibrato.

Ma vediamo se riesco a elaborare un po’ di teologia sotto forma di consigli pratici. Ecco alcuni modi inopportuni di rispondere a una situazione del genere, insieme alle risposte più confacenti da dare:

 

Risposta sbagliata

“Oh!”.

 

Questa è una non risposta. Equivale a dire “Non mi interessa” oppure “Mi serve il tuo consenso, quindi non dirò nulla”.

Non sto dicendo che non è mai legittimo tenere la bocca chiusa. Sto solo dicendo che la paura dell’uomo o il venir meno nell’amore non dovrebbero essere il movente che ci spinge a non dire nulla.

 

Risposta corretta

“Perché te ne vai? Posso aiutarti a riflettere su questa decisione?”.

L’amore si dà pensiero e pone domande. L’amore ci rende, in una certa misura, responsabili della condotta dei nostri fratelli, e cerca di indagare. L’amore non ha paura di avere a che fare con persone diverse da noi; anzi, è disposto anche a fare qualche domanda imbarazzante o ad offrire un consiglio apparentemente azzardato, per il loro bene.

 

Risposta sbagliata

“Non ti è lecito andartene”.

Gesù non ha dato alle chiese l’autorità di impedire alle persone di andarsene e associarsi ad un’altra chiesa. Ha dato loro l’autorità di disciplinare un credente che si mostri pervicace in un certo peccato, ma, a meno che non si sia chiamati dall’Alto a imporre qualcosa sul piano spirituale, non credo che la vostra chiesa abbia ricevuto la facoltà di far desistere qualcuno dalla sua decisione.

Detto questo, penso che sia consentito cercare d’impedire una separazione, qualora un individuo non abbia in programma di andare in un’altra chiesa. Questo significa comportarsi da impenitenti.

 

Risposta corretta

“A meno che tu non abbia problemi disciplinari con la chiesa, sei libero di andartene”.

Non dobbiamo dire a chi se ne vuole andare per una ragione banale, che è da saggi farlo. Penso che dobbiamo ricordargli comunque che è un suo diritto.

 

Risposta sbagliata

“I motivi che adduci per andartene sono ridicoli”.

Ancora una volta, affermo che non bisognerebbe mai – dico mai – dire queste parole.

Tuttavia, in linea generale, è consigliabile aiutare un fedele a capire meglio quali fattori apprezzare in una chiesa, anziché rimproverarli di apprezzare le cose sbagliate.

 

Risposta corretta

“Avendo l’occhio alla Parola di Dio, in che modo sei stato aiutato a preoccuparti di cosa attenderti da una chiesa?”.

Aiutiamo questi credenti a scoprire che la Parola di Dio dà precedenza a cose quali il modo in cui predicare la Parola, incentrando tutto sul Vangelo di Cristo e su una guida saggia ed amorevole.

Inoltre, aiutiamoli a capire che le nostre chiese sono famiglie, dove l’uno bada al progresso spirituale dell’altro, in Cristo. Non sono infatti associazioni dove si va per godere esclusivamente dei benefici.

 

Risposta sbagliata

“Beh, non puoi essere amico di tutti”.

Se realizziamo che, dietro certe decisioni, ci sono rapporti mal ricuciti o ferite covate da tempo, non è da saggi aiutarli a tenerli insabbiati. Sono questioni che possono causare grossi problemi e vanno risolte.

Con questo non si vuol dire che ogni relazione infranta può essere risanata qui sulla terra. Uno può anche aver deciso riflessivamente sull’impossibilità di ristabilire un certo rapporto. Malgrado ciò, va detto che non è buono neppure scappare dai problemi.

 

Risposta corretta

“Ti esorto vivamente a tentare di ricucire questi rapporti, prima di decidere se lasciare o meno”.

Risposta sbagliata

“Che cosa possiamo riparare velocemente nella nostra chiesa per evitare che tu vada via?”.

Può capitare che a certuni non piaccia la vostra chiesa. Magari sono infastiditi e persino irritati da elementi molto banali e non è compito della chiesa, o del pastore, cercare di porre fine ad ogni rimostranza. La nostra priorità non è quella di essere accettati dagli uomini. La cosa non funziona così biblicamente parlando.

A un certo punto, il pastore deve saper riconoscere che è buono che qualcuno se ne vada per il bene comune, senza temere questa evenienza.

Se si sente personalmente minacciato ogni volta che un fedele vuole andarsene via, può darsi che sia carente nell’esaminare il proprio cuore.

 

Risposta corretta

“Forse, andare in un’altra chiesa potrebbe essere uno stimolo per la tua crescita spirituale”.

E chissà, magari potrebbe veramente essere così! Lode a Dio se, nella tua città, ci sono anche altre chiese, oltre alla tua!

Se le persone se ne vanno per ragioni puerili, il vostro compito precipuo è incoraggiarle a riesaminare le loro scelte; ma potreste anche ribadire il vostro amore per loro, dicendogli che, se ci ripensano, saranno sempre bene accetti.

E mentre se ne vanno, benediteli!

 

 

 

(Traduzione a cura di Ciro Izzo)

 

 

Tematiche: Chiesa, Comunione, Crescita spirituale, Vita Cristiana

Jonathan Leeman

Jonathan Leeman è uno degli anziani di Capitol Hill Baptist Church in Washington, D.C., direttore editoriale di 9Marks e autore, più recentemente, di Don’t fire our church members: The Case for Congregationalism (B&H Academic, 2016) e Political Church: The Local Assembly as Embassy of Christ’s rule (IVP Academic, 2016).

© 9Marks.org, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.