5 modi che gli atleti hanno per evangelizzare in un ambiente unico

 

Sai come il compianto R.C. Sproul arrivò alla fede in Cristo? Per mezzo di un giocatore di football.

 

Nel suo necrologio su Sproul, Justin Taylor riassume la storia:

R.C. è rinato nel settembre del 1957 durante il primo fine settimana del suo primo semestre al Westminster College, una scuola presbiteriana progressiva a un’ora a nord da Pittsburgh. Dopo l’orientamento da matricola, R.C. e il suo compagno di stanza (con cui aveva giocato a baseball a scuola) volevano uscire dal campus per andare a bere in una città vicina. Quando arrivarono al parcheggio, R.C. mise la mano in tasca e si rese conto che era senza le sue Lucky Strike. Allora entrambi tornarono al dormitorio, dove c’era un distributore di sigarette.

Mentre iniziò a mettere le sue monetine nel distributore, il capitano della squadra di football della scuola li invitò a sedersi a un tavolo. Iniziò a far loro delle domande. Finirono per parlare per oltre un’ora della saggezza di Dio. Ciò che colpì R.C. fu che per la prima volta nella sua vita ascoltava qualcuno che sembrava conoscere Gesù personalmente. Il giocatore citò Ecclesiaste 11:3 (“se un albero cade verso il sud o verso il nord, dove cade, là rimane”) e R.C. si vide così: morto, corrotto e in putrefazione. Quella notte tornò al suo dormitorio e pregò Dio di perdonarlo. In seguito avrebbe affermato che probabilmente fu l’unica persona nella storia della chiesa ad essersi convertita attraverso quel particolare versetto.

 

Anche Matt Chandler si è convertito a Cristo attraverso la sua squadra di football del liceo. “Desidero parlarti di Gesù”, gli disse il compagno di squadra. “Quando lo vuoi fare?”

 

Dio usa atleti comuni per portare gloria al suo nome. Questo non dovrebbe sorprenderci, poiché gli atleti cristiani hanno un’opportunità unica.

 

Opportunità uniche

Ho giocato a football per sei anni. Ho sognato di diventare un professionista (qual è il bambino che non lo fa?), ma il Signore aveva altri piani. Invece di diventare professionista, mi successe qualcosa di meglio: diventai il cappellano evangelico della squadra nel mio liceo e, sebbene fosse per un breve periodo di vita, rifletto su quei giorni con gioia.

 

Si verificò qualcosa come un piccolo risveglio. Quando fu creato il programma, la maggior parte degli atleti mostrò poco o nessun interesse per le questioni spirituali – ci furono molti anni di semina con pochi frutti.

Prima del mio ultimo anno, tuttavia, uno degli allenatori morì. All’improvviso, la natura fragile della vita ci mise tutti a confronto: passammo da scarsi frutti a più di 50 ragazzi che partecipavano alle preghiere post-partita e a quelle pre-partita nella cappella. Molti furono convertiti a Cristo ed uno ora è diventato pastore. Potrei andare avanti all’infinito. Il Signore ama usare atleti ordinari per condurre altri a Cristo.

 

Avendo frequentato molti atleti per la maggior parte della mia vita, ho diverse ragioni per credere che gli atleti cristiani abbiano opportunità uniche di presentare il Vangelo.

 

  1. Vicinanza

Quando sei un atleta, sei costantemente accanto ai compagni di squadra: ti alleni, guardi film, ti eserciti e giochi insieme … sei sempre a contatto con qualcuno. Grazie alla costante vicinanza, hai svariate opportunità di condividere Cristo. Se un giorno si cede alla paura e non si condivide il Vangelo, puoi rimediare un altro giorno perché ci si vede spesso.

  1. Stretta fratellanza

C’è un sentimento familiare unico che si sviluppa tra gli atleti: ci si sente come si stesse andando in guerra insieme, come se si dovesse morire per un compagno di squadra in un batter d’occhio. Alla luce di questa fratellanza, si sviluppa rapidamente un rapporto, che può scaturire in conversazioni sul Vangelo.

 

  1. Si è esposti

Non si può fingere in una squadra. Il vero io viene fuori. Se si annuncia Cristo ma si è un ipocrita, si lascerà l’amaro in bocca agli altri. Tuttavia, se si annuncia Cristo e le proprie azioni coincidono con le parole, si potrebbe non aver bisogno di trovare il coraggio per iniziare conversazioni sul Vangelo; sarà la gente probabilmente a venire da te.

 

  1. Le parole hanno un peso

Dio ha donato a qualcuno un’enorme abilità atletica. Se sei uno dei titolari della squadra, non sprecare la tua influenza …se sei il giocatore di punta le persone ti guarderanno, ti seguiranno e penderanno dalle tue labbra. Questo, a dire il vero, denota pressione. Ma Gesù può fornire l’audacia di cui si ha bisogno.

 

  1. Crisi d’identità

Molti atleti stanno ancora cercando di rispondere alla domanda “Chi sono io?” Molti, se non tutti, troveranno la loro identità nella loro prestazione atletica. Durante questo periodo di vulnerabilità, si può cogliere l’opportunità di indirizzare gli altri a Cristo, incoraggiandoli a lasciargli modellare la loro identità.

 

Come farlo

Ma come iniziare queste conversazioni? E cosa dire? Ecco alcune cose da tenere a mente:

 

Essere audaci.

Gli atleti amano l’audacia. A differenza di molti altri ambienti, non devi andare col piede di piombo quando sei in una squadra. Puoi essere te stesso. Quindi, come l’amico di Chandler, sii audace e inizia a chiacchierare. Ma cosa dire esattamente? Non pensiamoci troppo. Esciamo allo scoperto e guardiamo cosa farà Dio.

 

Usa la Bibbia nelle tue conversazioni

Lo Spirito opera attraverso la Parola di Dio. Ricorda la testimonianza di Sproul, come lo Spirito usò un versetto decisamente oscuro. Lui si muove sovranamente quando e dove vuole.

 

Organizzati.

Quando servivo come cappellano, avevamo preghiere post-esercitazione, andavamo in cappella prima di giocare, avevamo studi biblici e altro ancora. Si può non essere in grado di fare tutto ciò, ma essere organizzato fa molto. Prendi in considerazione di iniziare uno studio biblico settimanale: pianificare le cose crea un ambiente sicuro e protetto per gli atleti, piuttosto che mettere tutta la pressione su conversazioni sul Vangelo spontanee e informali.

 

Dì “scusa” quando sbagli

Farai degli errori, forse dirai qualcosa di inappropriato o renderai frustrato qualcuno della tua squadra. Quando ciò accade, ricorda la grazia che è tua in Cristo e riconosci il tuo errore: “Colpa mia. È stato un mio errore. Mi dispiace davvero.” I tuoi compagni di squadra non si aspettano che tu sia perfetto, e non devi esserlo. Ma se diciamo di essere un Cristiano, sappiamo che altri ci osserveranno da vicino, anche se fingono di non accorgersene. Quindi siamo sinceri riguardo alle proprie imperfezioni. Questo li aiuterà a rispettarci.

 

Condividi la tua testimonianza

Una volta ottenuto qualche rapporto, condividi la storia della tua conversione. Questo può portare a una conversazione sul Vangelo.

 

Alla fine della giornata, la pressione non sarà su di te. Il Signore riunirà i suoi eletti a sé. Ma se sei un atleta Cristiano, hai molte opportunità uniche di condividere Cristo in diversi modi rispetto agli altri.

 

Non sprecare le tue opportunità; invece, svolgi il compito di evangelista (2 Tim. 4:5).

 

 

 

 

(Traduzione a cura di Maddalena Bennardo)

 

 

Photo by Liam McKay on Unsplash

Tematiche: Evangelizzazione

David Qaoud 

David Qaoud 

 

E’ uno studente di MDiv al Covenant Theological Seminary di St. Louis, nel Missouri. Scrive regolarmente su gospelrelevance.com ed è il marito felice di Denise.

© TheGospelCoalition.org, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.