5 principi per disciplinare i tuoi figli

 

Prima di avere figli, ho lavorato per anni come animatrice estiva e come insegnante in un grande liceo pubblico: entrambi gli incarichi mi hanno insegnato l’importanza della disciplina nell’educazione di un bambino. Senza struttura e regole, il campo estivo si sarebbe rapidamente trasformato in una versione de ‘Il signore delle mosche’; senza ordine in classe, i miei studenti non avrebbero mai avuto l’opportunità di imparare.

Durante i miei anni di lavoro con i bambini, cinque principi guida mi hanno aiutato come animatrice, insegnante e soprattutto come mamma. Sebbene non tutti i metodi funzionino per tutti i bambini, ho scoperto che questi principi funzionano per una varietà di bambini, indipendentemente dalla loro età, dal sesso o dalla disposizione.

 

  1. Insegna in modo proattivo, piuttosto che reattivo

 

Ai bambini deve essere insegnato ciò che è giusto nella misura in cui hanno bisogno di essere corretti. Le storie bibliche, gli eventi quotidiani e gli errori offrono opportunità in varie situazioni di chiedere: “Quale sarebbe la cosa giusta da fare?” Consentire a tuo figlio di comunicare il giusto modo di agire, lo aiuta a capire decisamente di più che non solo ascoltarlo dalle tue labbra.

Quando i miei figli erano piccoli, prima di entrare in un negozio di alimentari chiedevo scherzosamente: “Ci comporteremo come teppisti in questo negozio?” Naturalmente, la loro risposta era “No!” Poi chiedevo: “Che cosa fa un teppista in un negozio? ” Inventavano ogni sorta di suggerimento: correre per il negozio, non ascoltare la mamma, stare in piedi nel carrello, chiedere caramelle, urlare ad alta voce e una miriade di altre idee sciocche.

Rivedere in anticipo e in modo fattivo le aspettative del negozio di alimentari ha notevolmente aiutato la loro obbedienza. I bambini hanno bisogno di richiami quotidiani su come essere amici, come agire in pubblico, come rispondere alla cattiveria e come scusarsi. Se passiamo tutto il nostro tempo a dire “Non farlo” senza anche dire “Fallo”, i nostri figli diventeranno sempre più frustrati, non conoscendo la scelta giusta da fare.

 

 

  1. Dai loro conseguenze e ricompense

 

Quando Dio fece la Sua alleanza con il popolo di Israele, pose davanti a loro benedizioni e maledizioni (Dt. 30).

Aveva chiaramente previsto le benedizioni per l’obbedienza e le conseguenze per la disobbedienza: è utile fare lo stesso nell’educare i nostri figli.

Alcuni genitori esitano a dare una ricompensa perché la considerano come un voler corrompere, ma i premi e tangenti sono sostanzialmente diversi in ciò che comunicano: i premi incoraggiano e lodano il comportamento corretto; le tangenti ricompensano e incoraggiano comportamenti sbagliati. I due possono spesso sembrare simili, quindi facciamo un esempio.

Una bimba di un anno e mezzo sta faticando a stare seduta nel carrello del supermercato; una tangente sarebbe simile a questo: la mamma cerca di mettere la bambina nel carrello, la bambina urla, fa i capricci e dà calci a sua madre; la madre ci riprova, ma succede la stessa cosa… nella sua frustrazione, la madre guarda nella borsetta, trova un lecca-lecca e lo dà a sua figlia per farla sedere nel carrello.

Al contrario, una ricompensa sarebbe simile a questo: prima di lasciare la macchina, la madre guarda sua figlia negli occhi e dice: “So che a volte stare seduta nel carrello della spesa può essere difficile. Quindi, se riesci a stare brava nel carrello, avrò una sorpresa per te. Pensi di potercela fare oggi? La bambina risponde “Sì” e attende con impazienza la sorpresa. Vanno nel negozio, la bambina entra nel carrello e la madre le mostra il lecca-lecca. Le promette che se riesce a rimanere nel carrello e a fare la brava, potrà mangiare il suo lecca-lecca una volta a metà strada.

Nella prima situazione, è la bambina ad avere il controllo in quanto viene premiata per aver urlato e aver dato calci; nella seconda situazione, la madre ha decisamente il controllo della situazione e la bambina viene premiata per il comportamento corretto. Le ricompense alla fine aiutano i nostri figli a comprendere la bontà delle vie di Dio e che Lui premia le nostre fatiche (Col 3:23–24).

 

 

  1. Applica le regole che dai

 

Quando iniziai a insegnare, alcuni dei miei studenti avevano solo cinque anni meno di me. Mi resi conto che dovevo far rispettare le mie regole se volevo ottenere il loro rispetto. Dovevano capire che il mio “sì” era “sì” e il mio “no” era “no” se mai avessi dovuto mantenere l’ordine in classe.

Lo stesso vale per i nostri bambini: se dici a tua figlia che dovrà andarsene dal parco se colpisce un altro bambino, allora dovrai farlo realmente quando colpisce qualcuno; se dici a tuo figlio che non potrà guardare il film se non rifà il letto, allora metti in atto la regola quando disobbedisce. I nostri figli devono sapere che manteniamo la parola data, anche quando è difficile.

Detto ciò, dovrei anche dire: dai solo una regola che sei disposto a far rispettare. Se vuoi davvero portare tuo figlio a vedere il film o stare al parco, allora trova una regola che si adatti meglio alla situazione.

Dobbiamo tutti accettare che disciplinare i nostri figli raramente è conveniente: così spesso disobbediscono quando preferiamo fare qualcosa di diverso che prendere tempo per correggerli amorevolmente. Tuttavia, il frutto della disciplina fedele vale il sacrificio di cui ha bisogno. Te lo assicuro.

 

 

  1. Il metodo della disciplina deve essere efficace

 

Famiglie diverse useranno metodi diversi per disciplinare i figli. In effetti, anche all’interno della stessa famiglia, figli diversi richiedono regole diverse. Indipendentemente dal metodo, tuttavia, apprendiamo da Ebrei 12:11: “è vero che qualunque correzione sul momento non sembra recare gioia ma tristezza; in seguito tuttavia produce un frutto di pace e giustizia in coloro che sono stati addestrati per mezzo di essa”.

Qualunque sia il metodo disciplinare che usi, deve essere scomodo per tuo figlio. Per chiarire, non sono ammesse forme di abuso di alcun tipo o perché un genitore “tiri fuori la rabbia”: la disciplina è per il bene di un bambino, non per la rabbia di un genitore; se sei arrabbiato o frustrato, dovresti aspettare fino a quando non ti calmi prima di correggere tuo figlio.

Nella nostra famiglia, il primo stadio della disciplina inizia con un severo rimprovero e un monito per le conseguenze. Scendiamo al suo livello e gli diciamo fermamente che il suo comportamento non è accettabile; se non rispetta il nostro avvertimento, di solito lo mettiamo in castigo per il numero di minuti dipendente dalla sua età; se non si siede in castigo o continua a disobbedire, dopo il castigo arriva una sculacciata.

Man mano che i bambini crescono, questi metodi diventano meno efficaci ed è quindi importante rivalutarli; la perdita di privilegi, sanzioni finanziarie (per qualcosa di rovinato o rotto) o lavoretti extra sono conseguenze migliori per i più grandi… qualunque sia la disciplina, deve essere efficace per quel bambino.

Questa realtà è difficile come genitore: amo vedere felici i miei figli ed è doloroso causare loro infelicità. Eppure la promessa di Ebrei 12:11 conforta le nostre paure: c’è un frutto di pace e giustizia in coloro che sono stati addestrati per mezzo di essa. Benediciamo i nostri figli amandoli abbastanza per disciplinarli.

 

  1. Catturare la loro attenzione facendo bene

 

Ho trovato che questo è un potente metodo per incoraggiare i bambini. Insegno regolarmente ai bambini di 4 anni in chiesa. Il modo più veloce per far sedere tutti i bambini e farli stare bravi è dire: “Guardate tutti! Mi piace il modo in cui Sarah è seduta con le mani in grembo, pronta ad ascoltare la storia”. Immediatamente, altri 15 bambini sono seduti con le mani in grembo, pronti ad ascoltare.

La lode è uno strumento potente e una benedizione per i bambini perché li aiuta a sapere cosa è giusto e, allo stesso tempo, comunica che ti importa di loro. Tutti noi vorremmo un capo che veda il bene che facciamo e lo apprezzi e non che corregga solo i nostri errori. Allo stesso modo, i nostri figli hanno bisogno che li osserviamo per i comportamenti corretti, tanto quanto li correggiamo per quelli sbagliati.

Questo tipo di incoraggiamento è particolarmente importante per bambini con problemi comportamentali o per bambini che attraversano un periodo di grave disobbedienza: le loro orecchie si rallegrano con il minimo elogio. Cattura la loro attenzione facendo qualcosa, qualsiasi cosa, più spesso che puoi.

 

 

Il principio più importante

 

Questi principi di disciplina hanno aiutato me e mio marito, ma sono limitati. Solo Dio può cambiare il cuore dei nostri figli. Tutta la saggezza dei genitori nel mondo non può salvare o trasformare i nostri figli. Solo Gesù può.

Mentre cerchiamo di essere saggi nelle tecniche genitoriali che utilizziamo, la cosa più importante che possiamo fare è trascorrere del tempo nella Parola e nella preghiera, chiedendo a Dio la guida. Lui ascolta, comprende e promette di fornire fedelmente tutta la saggezza di cui abbiamo bisogno (Giacomo 1:5). Che noi possiamo cercarLo, chiedendoGli di operare nel cuore dei nostri figli.

 

 

(Traduzione a cura di Maddalena Bennardo)

Tematiche: Bambini, Educazione dei figli, Famiglia, Genitori

Melissa Kruger

Melissa Kruger 

Serve come coordinatrice del ministero femminile nella Chiesa Uptown (PCA) di Charlotte, North Carolina, ed è autrice di The Envy of Eve: Finding Contentment in a Covetous World (Christian Focus, 2012) e Walking with God in the Season of Motherhood (Waterbrook/Multnomah, 2015). Suo marito Mike è presidente del Seminario Teologico Riformato e hanno tre figli. Scrive su Wits End. Inoltre la potrete seguire su Twitter.

© TheGospelCoalition, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.