La macro-cura pastorale e la micro-cura pastorale: una distinzione importante

 

Sono sempre più convinto dell’importanza della responsabilità degli anziani nella cura della propria chiesa. Ci sono compiti importanti che gli anziani sono chiamati a svolgere a livello generale e congregazionale.

D’altra parte, il fondamento del ministero di pastore deve essere la cura delle persone e nell’interazione con le singole persone.

 

 

La terminologia della macro-cura pastorale e della micro-cura pastorale è stata studiata per aiutare i leader a comprendere e distinguere queste responsabilità complementari.

 

La ragione di questa distinzione si può vedere nel commovente addio di Paolo agli anziani in Efesini. Ricordava loro che “non mi sono astenuto di annunziarvi e insegnarvi in pubblico e per le case nessuna di quelle cose che sono giovevoli” (Atti 20:20). Il ministero di Paolo non era solo nel luogo pubblico, ma nel privato delle case delle persone. Non operava solo nel grande numero, ma anche nel piccolo.

Questo equilibrio deve essere mantenuto in un ministero di cura pastorale efficace e può essere rappresentato da questa distinzione tra macro e micro-cura pastorale.

 

La macro-cura pastorale si riferisce a quelle importanti funzioni di leadership che riguardano l’intera chiesa, in considerazione della responsabilità degli anziani di “sorvegliare” l’intero gregge. La preoccupazione di Paolo era di rispondere alle preoccupazioni della chiesa. Ci sono importanti funzioni decisionali, visive e amministrative che gli anziani devono svolgere per la salute della chiesa.

Come vedrete, queste macro-categorie di cura spirituale devono essere soddisfatte per ciascuna delle funzioni di base. Ad esempio, per “nutrire” il gregge, la funzione di macro-cura pastorale è responsabilità degli anziani che devono sorvegliare nel campo dell’insegnamento e della predicazione nella chiesa.

La micro-cura pastorale, invece, si riferisce al ministero personale degli anziani nella chiesa. Essa è rivolta alla supervisione di particolari pecore per le quali è stata loro affidata la responsabilità. Ritornando all’illustrazione legata “all’alimentazione”, la micro-cura pastorale è quel ministero della Parola sviluppato in maniera personale dagli anziani della chiesa (e non specificatamente dal pastore stesso) per individui e famiglie. Il micro focus è quello di sviluppare le relazioni con ciascuno e l’esercizio delle funzioni di cura spirituale a livello personale.

 

Purtroppo, molti sono felici di servire come anziani con l’errata idea che viene solo chiesto loro di servire nell’ambito della macro cura.

E’ triste constatare che molti corsi di formazione alla leadership offerti ai futuri anziani sono chiaramente orientati verso la macro-cure pastorale. Il risultato che ne consegue è la ricerca e l’attrazione degli anziani che percepiscono loro stessi come “uomini di decisione” piuttosto che “amanti delle pecore”.

Ciò non significa che queste funzioni si escludano a vicenda. Tuttavia, vi è un grave pericolo per la salute del gregge se i pastori non sono personalmente coinvolti con il loro gregge.

Infatti, come possono i pastori operare correttamente a livello macro se non interagiscono con le persone a livello micro? Le sementi seminate nel ministero personale tra il gregge  (la micro cura) producono frutti per consentire ai pastori di essere più efficaci a livello macro.

 

 

 

Traduzione a cura di Lisa Artioli

Photo by Quino Al on Unsplash

 

Tematiche: Chiesa, Cura pastorale, Ministero

Tim Witmer

È professore ordinario di Teologia Pratica al Seminario teologico di Westminster a Filadelfia. Egli è anche pastore della Chiesa St. Stephen Reformed Church a New Holland, Pennsylvania. In precedenza, ha prestato servizio presso la Crossroads Community Church nell’Upper Darby, Pennsylvania, dove è stato recentemente nominato pastore emerito.

© 9Marks.org, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.