Quando “Sei abbastanza”, semplicemente non è abbastanza

 

In questi giorni c’è un mantra che dovremmo prendere in considerazione. Mentre ci guardiamo allo specchio, o scorriamo le foto su Instagram, o confrontiamo gli snack acquistati in negozio che abbiamo portato alla squadra con i dolci fatti in casa portati da un’altra famiglia, ci viene detto di dire a noi stessi, finché non ci crediamo: “Sei abbastanza”.

È una proposta attraente, poiché l’inadeguatezza e il vuoto delle nostre vite sono dolorose. Se solo il divario tra la vita come pensavamo fosse e la vita che realmente è, potesse essere colmato semplicemente rivedendo i nostri pensieri!

Sono convinta che quando esaminiamo le Scritture, scopriamo che non dobbiamo aver paura, vergognarci o perdere la speranza a causa del vuoto nelle nostre vite.  Invece, possiamo affrontare il vuoto con la fiducia che Dio può e opererà nella nostra inadeguatezza come solo lui può, riempiendola con la sua completezza divina.

 

Pienezza di Dio

La storia della Bibbia inizia con un Dio completo. Fu da questa pienezza che creò tutto dal nulla: “Nel principio, Dio creò i cieli e la terra. La terra era informe e vuota” (Gen. 1:1–2). Vuoto.  Ma mentre leggiamo il resto di Genesi 1, vediamo che Dio ha fatto la sua opera migliore con il “vuoto”, riempiendolo di bellezza e abbondanza, scopo e significato.

Poi arrivò il serpente che iniziò a sussurrare a Eva che chi era, come portatrice dell’immagine di Dio, non era abbastanza, e che ciò che sapeva e sperimentava non era abbastanza.  Piuttosto che fidarsi che Dio potesse riempire la sua vita di tutto ciò che l’avrebbe soddisfatta, cercò di ottenere ciò che pensava avrebbe riempito la sua vita con piacere e intuizione. Ma invece di riempirla, gliel’ha portato via.

Da allora, il vuoto è stato caratteristico nella vita in questo mondo maledetto. Eppure il resto della storia della Bibbia ci assicura: Dio non ci ha abbandonato per sempre a questo vuoto.

 

Vuoto nel Popolo di Dio

Con il passare del tempo, vediamo continuamente Dio operare nel vuoto del suo popolo. Ha lavorato nel grembo che sembrava senza speranza di Sarah, riempiendolo con un bambino. Ha lavorato nello stomaco vuoto della sua gente nel deserto, per insegnare loro a dipendere da Lui che provvede.

Mosè avvertì il popolo quando arrivarono nel paese “quando dunque avrai mangiato e ti sarai saziato, guardati dal dimenticare l’Eterno che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla casa di schiavitù.” (Deu. 6:11-12). Evidentemente la pienezza può portare all’oblio. Per loro era vero ed è vero per noi.

Dio opera in modo unico nel vuoto della nostra vita per insegnarci a fidarci di Lui. Quando le nostre vite sono piene, piene di salute, piene di conforto, piene di tutto ciò che riteniamo buono e soddisfacente, questo può portare a dimenticarci della nostra dipendenza da Lui. Può indurci a pensare che dobbiamo avere queste altre cose per essere felici, piuttosto che vivere come se Cristo fosse l’unica cosa che dobbiamo avere in questa vita.

La loro pienezza li ha portati all’oblio. Geremia parlò a nome di Dio: “Così dice l’Eterno: «Che cosa hanno trovato di ingiusto in me i vostri padri, per allontanarsi da me, andare dietro alla vanità e diventare essi stessi vanità?” (Ger. 2:5).  Ezechiele promise, tuttavia, che Dio avrebbe operato nel loro vuoto.  Avrebbe lavorato nella loro desolazione per rendere le loro vite come un giardino fertile. Stava per riempire le loro vite con il suo Spirito (Ez. 36:34-36).

 

Pienezza di Gesù

Poi finalmente, Gesù, in cui Dio si compiaceva di far dimorare la sua pienezza, entrò in questo mondo (Col. 1:19). “Pur essendo nella forma di Dio, non considerò l’essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma svuotò se stesso, prendendo forma di servo, diventando simile agli uomini; trovato esteriormente come un uomo, umiliò se stesso, facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte di croce” (Filippesi 2:6-8).

È venuto per riempire il vuoto di tutti coloro che sarebbero stati disposti a essere riempiti di Lui. Giovanni scrive che “dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia” (Giovanni 1:16).  Ma per ricevere questa pienezza, Gesù doveva essere svuotato. Sebbene fosse ricco, per il nostro bene divenne povero, così che con la sua povertà potessimo diventare ricchi (2 Corinzi 8: 9).

La generosità di questa grazia ci convince che “colui che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per noi tutti, non ci donerà forse anche tutte le cose con lui?”  (Romani 8:32).

 

Riempiti di Spirito Santo

L’opera è iniziata a Pentecoste, quando i credenti furono riempiti di Spirito Santo. E continua oggi quando dimoriamo in Cristo e lo Spirito genera i suoi frutti nelle nostre vite. Anche adesso Dio sta rispondendo alla preghiera di Paolo in Efesini 3:19 che dice “ricolmi di tutta la pienezza di Dio”.

Convincersi di essere abbastanza non è la risposta al nostro vuoto. Non è di noi stessi quello di cui abbiamo bisogno. “La pienezza di Dio” che riempie il nostro essere interiore è la risposta definitiva alla nostra insufficienza, al nostro vuoto.

Quindi, invece di dire a noi stessi “Sei abbastanza”, diciamo a Lui “Sei abbastanza!”  mentre riempie le nostre vite con la sua grazia e gentilezza, la sua gioia e amore, il suo scopo e significato.  E anticipiamo il giorno in cui la Pienezza Divina porrà fine al vuoto umano.

Il Dio che non ha bisogno di nulla soddisferà ogni bisogno. Potremo guardarci indietro e dire che era proprio vero: Dio ha fatto del suo meglio con il vuoto mentre ci riempiva di se stesso.

 

Tematiche: Spirito Santo, Vangelo, Vita Cristiana

Nancy Guthrie

Nancy Guthrie insegna la Bibbia nella sua chiesa locale, la Cornerstone Presbyterian Church a Franklin, in Tennessee, ma anche in conferenze in tutto il paese e internazionali, e attraverso libri e DVD nella serie Seeing Jesus in the Old Testament. Lei e suo marito, David, sono i co-conduttori della video serie GriefShare condivisa in più di 10.000 chiese in tutto il mondo e conducono anche Respite Retreats per coppie che hanno vissuto la morte di un figlio. Guthrie è anche la conduttrice di Help Me Teach the Bible, un podcast della Gospel Coalition.

© thegospelcoalition.org, ImpattoItalia, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.