5 motivi per cui i bambini fanno parte del culto principale

 

Ci sono diversi motivi convincenti per cui i bambini fanno parte del culto principale della vostra chiesa.

 

Sono un sostenitore della chiesa dei bambini e lo sono sempre stato. E’ importante avere culti per i bambini che si rivolgono alla loro fascia d’età per una serie di motivi. Detto questo, in molte chiese c’è la tendenza di tenere  bambini sempre separati dagli adulti. Anche se i bimbi dovrebbero avere una “chiesa per bambini” dove possono imparare e adorare Dio, hanno anche bisogno di essere regolarmente nel culto principale insieme al resto del corpo della chiesa.

 

Nelle chiese in cui ho fatto parte dello staff, regolarmente significava solo una volta al mese e sempre in culti speciali. Altre chiese lo fanno una volta a trimestre.

 

Ecco cinque motivi per cui credo che i bambini dovrebbero essere invece regolarmente presenti al culto domenicale:

 

  1. I bambini non dovrebbero essere tolti dal corpo principale per comodità

 

Questo è uno dei motivi per cui le chiese spostano i bambini dalla sala delle riunioni. Vogliono una funzione cristiana “professionale” dove gli adulti possono godere del culto senza essere disturbati dai bambini rumorosi. Questo suona bene, ma il Libro degli Atti non parla mai di avere un culto “professionale”, né la Bibbia parla di soddisfare i nostri bisogni egoistici durante gli incontri di chiesa, ma parla di bambini che non vengono mai messi da parte.

 

Matteo 19:14 – Gesù disse: “Ma Gesù disse: «Lasciate i piccoli fanciulli venire a me, perché di tali è il regno dei cieli»”.

 

  1. I bambini sono parte del Corpo di Cristo

 

Nella Bibbia non c’è nessun luogo dove si dice che i bambini sono un “corpo separato”. Essi sono invece una parte importante della chiesa e non dovrebbero essere esclusi quando la chiesa si riunisce insieme per adorare il Signore.

 

Durante la festa dei Tabernacoli, tutto Israele veniva davanti al Signore per ascoltare la lettura della Legge in modo che i bambini l’ascoltassero e imparassero a temere il Signore. Nella lettera di Paolo agli Efesini, egli diede istruzioni direttamente ai bambini di obbedire ai loro genitori facendoci capire che li considerava parte della chiesa a cui stava scrivendo.

 

  1. I bambini hanno bisogno di esempi divini di come adorare

 

Se i bambini non vedono mai gli adulti al culto principale che adorano, non sapranno come adorare o cosa ci si aspetta da loro.

 

  1. I bambini hanno bisogno di sentirsi parte della comunità ecclesiale

 

Se i bambini sono sempre separati dal corpo di Cristo, non si sentiranno mai come se facessero parte della comunità ecclesiale. E i membri della chiesa non conosceranno mai i bambini e non saranno un esempio per loro a meno che non lavorino nel ministero dei bambini o nella scuola domenicale.

 

 

  1. I bambini che non si sentono parte della loro comunità ecclesiale, quando saranno più grandi, probabilmente lasceranno la chiesa.

 

Immaginate lo shock culturale di un bambino che è stato in chiesa per tutta la vita, ma che non è mai stato al culto principale degli adulti. Ogni domenica ha giocato, ha cantato canzoni specifiche per loro e ogni messaggio o storia biblica è stata illustrata con una scenetta, una lezione a tema o un dispositivo interattivo.

 

Improvvisamente il bambino compie 10 o 12 anni, o in alcuni casi, 18 anni. Ora ha il passaporto per passare nella grande chiesa. La musica è strana e diversa. Non ci sono giochi, scenette o illustrazioni, ma c’è solo qualcuno che predica per una mezz’ora o più, che non ha mai incontrato. Non conosce molto le persone. E non ci sono le caramelle in giro.

 

Hai captato l’immagine? Questo è quello che succede a un bambino che non è mai stato presente al culto principale degli adulti. Nel giro di pochi mesi, forse anche di qualche settimana, potrebbe decidere che non vuole rimanere in chiesa. Se i suoi genitori riescono a farlo restare, se ne andrà via non appena compie 18 anni. In caso contrario, se ne andrà prima.

 

Cosa accadrà? Cercherà una chiesa che lo intrattiene e non lo annoia. E se non ne troverà una, lascerà la chiesa. Forse è per questo che tanti giovani non frequentano più la chiesa: perché non si sono mai sentiti parte della chiesa del Signore.

 

 

«Lasciate i piccoli fanciulli venire a me, perché di tali è il regno dei cieli»

 

 

Tematiche: Bambini

Tamera Kraft

Tamera Kraft
Tamera Kraft ha 30 anni di esperienza nel ministero dell’infanzia e ha fondato il Revival Fire Kids Ministry nel 2007 nella sua città natale di Akron, Ohio.
Tamera ha ricevuto la Shepherd’s Cup della Church of God National Children’s Leader’s Association Shepherd’s Cup nel 2007 per l’avanzamento nel ministero dell’infanzia. Tamera ha insegnato in laboratori nazionali e ha condotto crociate per bambini, campi di chiesa e servizi di incontro per bambini, così come consulenze e formazione di insegnanti per un certo numero di chiese.  www.revivalfire4kids.com

© ChurchLeader, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.