Appuntamenti cristiani? Inizia a pensare alle relazioni in modo diverso.

 

 

Stanco degli “appuntamenti cristiani”? Allora inizia a pensare alle relazioni in modo diverso.

Avevo quasi vent’anni e non ero sposata quando ho cominciato a pensare che qualcosa non andava. Avevo immaginato che mi sarei sposata all’inizio dei miei 20 anni e avrei messo su famiglia subito dopo, ma invece gli anni passavano e gli appuntamenti e potenziali pretendenti mariti scarseggiavano.

 

Apparentemente, sembrava che il problema fosse che i ragazzi cristiani a cui ero interessata non chiedessero a nessuno di uscire. Spesso erano invece impegnati in relazioni di coppia e mentre i ragazzi sembravano non impegnarsi (o all’estremo opposto fossero ossessionati), io e le mie amiche eravamo accusate di essere troppo esigenti. Volevamo uomini cristiani forti che possedessero qualità di leadership e fossero anche attraenti.

Chiedevamo forse troppo? A volte ho pensato di sì.

 

Poi ho incontrato mio marito, Kevin. Le cose combaciavano e ci siamo sposati dopo esserci conosciuti da poco più di un anno. Questo non mi ha impedito di confrontarmi con il dilemma che ho descritto sopra mentre si manifestava tra le mie amiche single. C’è qualcosa che non funziona negli appuntamenti cristiani. Conosco fin troppe donne e uomini single che desiderano il matrimonio, ma sembrano essere bloccati da… beh, dal matrimonio.

 

Due strade che deviano dentro una foresta

È utile considerare l’influenza esercitata dal “cosa non fare” su una generazione di single cristiani. Ammettiamolo, la strada del mondo verso il matrimonio non è davvero un’opzione per il credente serio. Nel 2011, Susan Olasky ha intervistato degli studenti universitari sulle relazioni.

 

Ha scoperto che tra i giovani adulti non credenti, le relazioni e la convivenza erano comuni, e il matrimonio era solo una strada tra le tante per raggiungere la felicità personale. Come sappiamo, la Bibbia sostiene diversamente. Progettato da Dio, il matrimonio allevia la solitudine, fornisce un contesto per il sesso e i figli, e offre un’immagine della relazione tra Cristo e la chiesa.

 

Penso che i single cristiani di oggi si stiano chiedendo: “Che aspetto ha per noi il percorso dall’essere single al matrimonio?”. Non sembra esserci un metodo efficace per andare dal punto A (il celibato o nubilato) al punto B (il matrimonio). E poiché la prospettiva del mondo sul matrimonio si è allontanata sempre più dal piano di Dio, il risultato è una confusione ancora maggiore su cosa fare.

 

Durante gli anni ’90, ho vissuto l’ondata del fenomeno del corteggiamento. Ciò che ho tratto da questa alternativa agli appuntamenti era che i giovani interessati al matrimonio dovevano uscire in gruppo per conoscersi ed evitare le tentazioni, coinvolgere le loro famiglie e non entrare in una relazione romantica a meno che il ragazzo non fosse “intenzionato”, impegnandosi essenzialmente con la ragazza.

 

Sono abbastanza sicura che questa tendenza abbia spaventato alcuni ragazzi che all’improvviso, dovevano decidere, in un appuntamento di gruppo, se erano interessati a sposare una delle ragazze. Poi dovevano avere una conversazione da brividi con lei (o forse anche con suo padre). Questo creava un sacco di pressione nel cercare di capire se lei era “quella giusta” senza che prima ci fossero altre relazioni.

 

Penso che anche le ragazze fossero intimorite. Ricordo di aver avuto paura di continuare a frequentare dei ragazzi che mostravano anche solo un accenno di interesse per me, perché non avevo ancora deciso di sposarli!

 

Coloro che incoraggiavano gli appuntamenti facevano bene, ma credo che la loro filosofia promuovesse inavvertitamente una mentalità consumistica. I ragazzi pensavano: “Se devo scegliere una moglie basandomi su poche informazioni, chiederò alla ragazza più bella, intelligente e divertente che posso trovare”. Allo stesso modo, le donne pensavano: “Andrò agli appuntamenti solo con i ragazzi più belli, intelligenti e finanziariamente stabili che me lo chiederanno”. Ho notato che molti dei ragazzi più belli e delle ragazze più belle si sono uniti senza fatica durante il periodo del corteggiamento, mentre il resto di noi è rimasto in bianco…

 

L’iper-intenzionalità ha creato una divisione tra i single cristiani mentre ci valutavamo a vicenda, sperando di ottenere il “miglior partner” possibile. E nel processo, abbiamo abbandonato alcuni principi fondamentali delle relazioni cristiane, come amarsi l’un l’altro, edificarsi a vicenda e considerare gli altri migliori di noi stessi. Ero colpevole come chiunque altro.

 

Osservo spesso single cristiani consumati da aspettative di perfezione nei loro futuri sposi. Possono persino dimostrare un certo disprezzo per coloro che non incarnano questi ideali.

Recentemente ho sentito una donna prendersi gioco di un ragazzo che una volta le ha chiesto di uscire, un ragazzo che oggi è un marito e un padre meraviglioso.

Rifletti!

Come cristiani, le nostre relazioni non dovrebbero consistere nell’etichettarci l’un l’altro come degni o indegni. Siamo tutti indegni a parte Cristo, e siamo tutti resi degni attraverso di Lui. Quando ci impegniamo nelle relazioni, dobbiamo ricordare questa verità. Romani 12:2 dice:

 

Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché, sperimentando, possiate discernere qual è la volontà di Dio, quella buona, accettabile e perfetta.

 

Penso che la chiave per trasformare gli incontri cristiani stia nel rinnovamento da parte di Dio nella nostra mente nel modo in cui vediamo e ci relazioniamo l’un l’altro. Ecco tre modi per iniziare:

 

1 – Imparare a capire

Quando ero single, mi trovavo spesso a valutare le persone piuttosto che conoscerle veramente. Ricordate quel libro illustrato per bambini, “Sei mia madre?”. A volte mi sembrava di andare in giro fra i gruppi di single chiedendo silenziosamente ad ogni ragazzo: “Sei mio marito?”. Invece di vedere gli uomini come individui creati a immagine di Dio, interagivo con loro in base al mio modo di interpretare la questione.

 

Gesù era bravissimo a vedere le persone. Matteo 9:36 dice: “Quando vide le folle, ne ebbe compassione”. In un altro racconto, Marco ci dice del giovane ricco: “E Gesù, guardandolo, lo amò” (10:21a).

 

Quando guardiamo oltre ciò che gli altri possono fare per noi e apprezziamo chi sono veramente, permettiamo a Cristo di abitare riccamente in noi. Invece di concentrarci sulla massima “possibilità” in un gruppo, è invece opportuno conoscere tutti vedendo se qualcuno cattura la nostra attenzione in base a caratteristiche meno superficiali e più significative.

 

2 – Imparare a valutare

La nostra cultura ci ha insegnato a gravitare verso coloro che sembrano essere vincenti nella vita. Lei è sexy. Lui è coinvolgente. Lei è popolare. Lui ha un buon lavoro.

I segni di spunta si sommano nel nostro cervello mentre valutiamo se qualcuno vale il nostro tempo. Questo è l’opposto di quello che Dio ci dice di fare: “in umiltà considerate gli altri più importanti di voi stessi” (Filippesi 2:3).

 

Dio desidera che tu veda ogni persona come preziosa e che tu mantenga un’umile stima di te stesso. Questo apre l’opportunità di conoscere gli altri in modo autentico. Invece di vedere l’intenzionalità come un “processo di acquisto” per assicurarti il miglior coniuge possibile. Questa è una mentalità da applicare uniformemente a tutte le aree della vita.

Se desideri sposarti, prega regolarmente affinché Dio ti fornisca un coniuge. Studia ciò che la Sua Parola dice sull’argomento. Una giovane donna mi ha detto che da single ha letto quanti più articoli possibili sul matrimonio per prepararsi a quella futura relazione, se Dio l’avesse fornita. Ora è fidanzata e sta per mettere in pratica questa conoscenza.

 

3 – Imparare a servire

Per certi versi, essere single è una stagione di libertà senza precedenti e la cultura ci incoraggia a viverla al massimo, indulgendo in ogni esperienza piacevole.

 

Galati contiene un piccolo versetto potente che sfida questa nozione: “Poiché siete stati chiamati alla libertà, fratelli. Solo non usate la vostra libertà come un’opportunità per la carne, ma per amore servite gli uni agli altri” (5:13).

La mia esperienza come single mi ha insegnato che non siamo in grado di servirci l’un l’altro. Certo, ho servito nella mia chiesa, ma la maggior parte del mio tempo girava intorno a me e a pensare a ciò che volevo io.

 

Pensare a come possiamo servire gli altri cambia il modo in cui trattiamo le persone. Gli uomini servono le donne guardando la pornografia e tenendo le donne ad uno standard fisico impossibile? Le donne servono gli uomini non rispettandoli e minando la loro leadership data da Dio? Certo che no. Noi serviamo gli altri abbracciando i valori di purezza, amore e sacrificio a cui Dio ci chiama nella Sua Parola.

 

Un’area di servizio in cui Dio mi ha sfidato a crescere era il modo in cui mi impegnavo con gli altri a livello relazionale. Tornando alla questione del “degno o non degno”, ero solita investire solo parole incoraggianti e conversazioni significative con i ragazzi a cui ero interessata. Dio mi ha sfidato a pensare che invece di giudicare la dignità degli uomini che conoscevo, avrei dovuto cercare di spronarli nell’amore e nelle buone opere (Ebrei 10:24). Quello era un modo in cui potevo servirli.

 

Forse gli appuntamenti cristiani non vengono interrotti come pensiamo noi. Quando impariamo a vederci, apprezzarci e servirci l’un l’altro, smettiamo di essere consumatori e cominciamo a emulare veramente Gesù Cristo. Non riesco a pensare a una preparazione più preziosa per i matrimoni che onorano Dio.

 

 

Tematiche: Corteggiamento, Cultura e Società, Fidanzamento, Matrimonio, Vita Cristiana

Suzanne Hadley Gosselin

Suzanne Hadley Gosselin è una scrittrice e redattrice freelance. Si è laureata alla Multnomah University con una laurea in giornalismo e teologia biblica. Vive in California con suo marito Kevin, che è un pastore per le famiglie, e i suoi quattro figli piccoli: Josiah, Sadie, Amelia e Jackson. Quando non è in giro con i suoi figli, Suzanne ama una buona tazza di caffè, conversare con gli amici, il teatro musicale e un viaggio sulla bellissima costa della California.

© Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.