La risposta di Spurgeon durante la “pandemia” del 1854

 

La pandemia del covid-19 si è ormai sparsa in tutto il mondo. Dopo un periodo più tranquillo (almeno qui in Italia) sembra che le cose stiano di nuovo peggiorando.

I leader della chiesa stanno discutendo su come rispondere a tutto questo. Nel corso della storia della chiesa, molti uomini e donne di Dio hanno dovuto pensare a sfide simili. Da giovane predicatore, Charles Spurgeon ammirava i ministri puritani che rimasero a prendersi cura dei malati e dei morenti durante la Grande peste di Londra nel 1665.

Ora, nell’autunno del 1854, il neo-chiamato pastore della New Park Street Chapel di Londra si trovò a pascere la sua congregazione nel mezzo di una grave epidemia di colera nel quartiere di Broad Street, appena oltre il fiume.

Come ha risposto Spurgeon?

 

Dare priorità al ministero locale

“Durante quell’epidemia di colera, sebbene avessi molti impegni nel paese, rinunciai alla maggior parte per poter rimanere a Londra a visitare i malati e i morenti. Sentivo che era mio dovere essere sul posto in un momento così pieno di malattie, morte e dolore”.

La popolarità di Spurgeon era cresciuta in tutti i villaggi di Fenland fuori Cambridge durante il suo pastorato a Waterbeach. Anche dopo essere arrivato a Londra, durante la settimana continuò a essere invitato a predicare in quei villaggi. Ma durante lo scoppio, Spurgeon ha riconosciuto la sua responsabilità di essere presente con coloro che erano malati e morenti. Era il momento in cui concentrarsi sulla cura della sua chiesa e della comunità in cui viveva. Non avrebbe affidato questo compito ai suoi diaconi o ad altri dirigenti della chiesa, ma rimase a Londra per adempiere al suo dovere.

 

Essere flessibili e regolarizzarsi in base ai bisogni ma continuare gli incontri di chiesa quando possibile

L’epidemia di colera di Broad Street del 1854 si verificò nell’agosto e nel settembre di quell’anno e i suoi effetti avrebbero continuato a farsi sentire nelle settimane e nei mesi successivi. Il quartiere in cui si è riunita la chiesa di Spurgeon non è stato messo in quarantena, quindi hanno potuto continuare a incontrarsi durante quei mesi. È interessante notare che non rimane alcuna traccia dei sermoni che Spurgeon predicò in quei giorni. Forse lo scoppio ha costretto la congregazione ad adeguare alcune delle loro pratiche precedenti, inclusa la trascrizione dei sermoni. Inoltre, a quei tempi Spurgeon era probabilmente troppo impegnato per modificare i sermoni per la pubblicazione.

Tuttavia, sappiamo che la congregazione continuò a riunirsi in quei giorni perché i libri verbali della chiesa contengono registrazioni delle adunanze svolte per tutto l’autunno del 1854. In quei libri, tra tutte le sfide pastorali dello scoppio, Spurgeon ei suoi diaconi continuarono a ricevere nuovi membri, perseguire membri inattivi, osservare la Cena del Signore e praticare tutte le altre normali attività di una chiesa. Non solo, ma in retrospettiva, fu particolarmente durante questo periodo, quando la notizia della morte imperversava in tutta la città, che Spurgeon trovò i londinesi più ricettivi al Vangelo.

“Se mai c’è un momento in cui la mente è sensibile, è quando la morte è vicina”.

 

In altre parole, non solo Spurgeon radunò la sua chiesa durante lo scoppio, ma vide in questi momenti una potente opportunità per il vangelo.

 

I leader devono esercitare saggezza quando si tratta di radunarsi come chiesa, specialmente quando sono in gioco la salute e la vita delle persone. Certamente, occorreranno degli aggiustamenti e la priorità dovrà essere data solo agli aspetti più importanti dei nostri incontri. Ma quando tali riunioni sono possibili, i leader dovrebbero rendersi conto che possono esserci enormi opportunità per predicare il Vangelo a coloro che cercano disperatamente la speranza.

 

Bisogna seguire le linee guida date dal governo ed essere prudenti ma non temere di predicare il Vangelo. Nessuna pandemia potrà mai fermare l’annuncio della “buona notizia”.

 

Visitare i malati

Spurgeon non solo ha continuato a radunare la sua chiesa, ma si è anche reso disponibile ministrando instancabilmente per visitare i malati e gli afflitti.

“Nell’anno 1854, quando ero appena stato a Londra da dodici mesi, il quartiere in cui lavoravo fu visitato dal colera e la mia congregazione soffrì per le sue incursioni. Famiglia dopo famiglia mi convocava al capezzale dei colpiti e quasi ogni giorno venivo chiamato a visitare le tombe”.

In queste visite, Spurgeon pregò con i malati e i partenti dei defunti indicando loro la speranza del Vangelo. Ma più che portare semplicemente il messaggio del Vangelo, la sua presenza consolava il popolo con il conforto di Dio. Sebbene queste visite fossero spesso rischiose e piene di dolore, c’erano anche gloriose occasioni di fede e gioia.

“Tornai a casa e presto fui richiamato di nuovo; quella volta, per vedere una giovane donna. Anche lei era alla fine. Stava cantando, anche se sapeva che stava morendo, e parlando a quelli intorno a lei, dicendo ai suoi fratelli e sorelle di seguirla in paradiso, salutando suo padre e sorridendo per tutto il tempo come se fosse stato il suo giorno del matrimonio. Era felice e benedetta”.

 

Cerca nuove opportunità evangelistiche

Spurgeon non si limitò semplicemente a visitare i membri della sua congregazione, ma era disposto a visitare “persone di ogni grado e religione”.

“Tutto il giorno, e talvolta tutta la notte, andavo di casa in casa e vedevo uomini e donne morire. Quando molti avevano paura di entrare nelle loro case per timore di contrarre la malattia mortale, noi, che non avevamo paura, avevamo spazio per predicare e ci davano ascolto”.

In un’occasione, alle tre del mattino, Spurgeon fu convocato per visitare un uomo morente. Questo non era un cristiano.

“Quell’uomo, durante la sua vita, aveva sempre avuto l’abitudine di prendermi in giro. Tuttavia, non appena fu colpito dai dardi della morte, cercò la mia presenza e il mio consiglio”.

Non tutte le opportunità evangelistiche si tradurranno in conversioni drammatiche. Ma durante i periodi di malattia possono sorgere opportunità sorprendenti. Pertanto, approfitta di tutte le opportunità che potresti avere per predicare il Vangelo a coloro che soffrono prendendo tutte le precauzioni.

 

Affida la tua vita a Dio

Quando Spurgeon si dedicò a questo lavoro pastorale, si trovò presto esausto fisicamente e mentalmente. Non solo, ma iniziò a temere per la propria salute. Eppure, tra le sue paure, ha imparato ad affidarsi a Dio e alla sua fedeltà.

“Dapprima mi arresi con giovanile ardore alla visita degli ammalati, e fui mandato a chiamare da tutti gli angoli del distretto da persone di ogni ordine e religione; ma presto divenni stanco e abbattuto. I miei amici sembravano cadere uno per uno. Sentivo che il mio fardello era più pesante di quanto potessi sopportare ed ero pronto ad affondare sotto di esso”.

Spurgeon ha dovuto imparare a confidare in Dio in queste circostanze così avverse.

 

“Perché hai fatto del Signore, che è il mio rifugio, l’Altissimo, la tua dimora; non ti accadrà alcun male, né alcuna piaga si avvicinerà alla tua dimora”.

 

Spurgeon era consapevole che tanti cristiani erano morti a causa del colera ma era fiducioso.

“Il cristiano non deve temere la malattia, poiché non ha nulla da perdere, ma tutto da guadagnare, mediante la morte”.

Ancora una volta, i leader devono esercitare saggezza e prendere precauzioni appropriate quando visitano coloro che stanno morendo (quando è permesso). Allo stesso tempo, la nostra sicurezza non può essere in queste precauzioni, ma deve essere in Dio. Quando affidiamo la nostra vita a Dio e adempiamo fedelmente alle nostre responsabilità, abbiamo l’opportunità di dimostrare che aspetto hanno la speranza e la pace in mezzo alla morte.

 

Conclusione

In molti modi, l’esempio di Spurgeon durante l’epidemia di colera del 1854 segue il modello del normale ministero pastorale in ogni occasione. I servi di Dio devono essere presenti con la loro gente, guidare le riunioni della chiesa, prendersi cura di coloro che stanno soffrendo, essere fedeli nell’evangelizzazione e continuare a confidare in Dio durante tutto questo.

La differenza principale è che durante una pandemia, c’è un grande aumento di sofferenza, incertezza e morte. Pertanto, il lavoro diventa più intenso e urgente e le opportunità per il vangelo si moltiplicano. Mentre i leader della chiesa considerano la loro risposta al coronavirus ai nostri giorni, c’è molto da capire praticamente e logisticamente. Ma il nucleo del nostro ministero rimane: predicare il Vangelo.

Parlando nel 1866, durante un’altra epidemia di colera, Spurgeon diede questa carica ai pastori e a tutti i cristiani:

“E ora, di nuovo, è il momento del ministro; e ora è il momento per tutti voi che amate le anime. Ricordati di approfittare dell’opportunità di far loro del bene. Hai il balsamo di Galaad; quando le loro ferite si infiammano. Conosci Colui che morì per salvare; diteglielo. Solleva in alto la croce davanti ai loro occhi. Dite loro che Dio si è fatto uomo affinché l’uomo possa essere elevato a Dio. Parla loro del Calvario, dei suoi gemiti, delle grida e del sudore di sangue. Parla loro di Gesù appeso alla croce per salvare i peccatori.

Dite loro che Gesù è in grado di salvare tutti quelli che vengono a Dio tramite Lui. Dite loro che è in grado di salvare anche all’undicesima ora, e di dire al ladro morente: “Oggi sarai con me in paradiso”.

 

 

Articolo di Antonio Morra, tratto da noisiamolarivoluzione.com e gentilmente concesso.

Tematiche: Cristianesimo, Evangelizzazione, Malattia, Storia della Chiesa, Vita Cristiana

© noisiamolarivoluzione.com, © Coram Deo

Il presente articolo può essere utilizzato solo facendone previa richiesta a Coram Deo. Non può essere venduto e non si può alterare il suo contenuto.